Un luogo dove competenze, dati, formazione, spazi favoriscono lo sviluppo e il confronto fra cittadini, istituzioni pubbliche, associazioni e rappresentanti del mondo economico, sociale e culturale di Bologna.

La Fondazione è un luogo riconosciuto di informazione e comunicazione sulle trasformazioni materiali e immateriali della città, in cui tutta la città è chiamata a contribuire alla costruzione del racconto sulla città stessa.

Tra la fine del 2018 e l'inizio del 2019 abbiamo lasciato dopo oltre dieci anni il secondo piano di Salaborsa per trasferirci in alcuni dei nuovi spazi individuati dal Comune di Bologna e cioè parte del piano terra di Palazzo d’Accursio, lo spazio aperto del Cortile Guido Fanti e alcuni spazi al piano terra di Salaborsa.

Il passaggio ha interessato all'inizio del 2019 gli spazi di lavoro e laboratoriali e si sta completando gradualmente con la prosecuzione del cantiere e la realizzazione di tutti i nuovi allestimenti. 

Queste azioni sono promosse dal Comune di Bologna e coordinate dalla Fondazione per l’Innovazione Urbana verso la costruzione del Quadrilatero della Cultura, il nuovo polo della cultura e della partecipazione che sta nascendo nell'ambito del progetto Laboratorio Aperto (programma di finanziamento Asse 6 “Città attrattive e partecipate” dei fondi del Programma Operativo Regionale FESR Fondo europeo sviluppo regionale 2014-2020). 

Il progetto del Quadrilatero della cultura intende rafforzare l’identità dell’area intorno a Piazza Maggiore attraverso un nuovo modo di vivere e valorizzare l’immenso patrimonio storico e culturale che la caratterizza, nel segno della partecipazione e dell’innovazione.

Attualmente si sta lavorando sugli spazi pubblici istituzionali adiacenti Piazza Maggiore (Palazzo d’Accursio, Salaborsa e Auditorium Enzo Biagi, Cortile Guido Fanti e la ex Galleria d’Accursio) che, attraverso i lavori di riqualificazione e le attività realizzati, stanno diventando un unico grande spazio più collegato, aperto e accessibile

In questi luoghi rinnovati sta nascendo un nuovo polo per la cultura e la partecipazione di Bologna, uno spazio pubblico nel cuore della città metropolitana, dedicato alla fruizione interattiva dei beni culturali e alla collaborazione creativa fra cittadini, associazioni, imprese, centri di ricerca, istituzioni.
Alcuni degli spazi sono già attivi e aperti al pubblico, altri sono attualmente in fase di allestimento.

Libri, musica, cinema, fotografia, mostre, incontri: a lavori ultimati, cittadini e turisti di tutte le età potranno accedere a un’offerta di servizi culturali consolidati ma rinnovati in chiave contemporanea, ma anche a nuovi servizi immateriali e innovativi dedicati alla trasformazione della città come l’accesso a dati e a informazioni, spazi di aggregazione, di dialogo e di interazione, la sperimentazione di nuove tecnologie, ecc.

Per immaginare e vivere una nuova idea di città.